Future Built on Knowledge

AI per l’agricoltura: ricercatore FBK tra i talenti europei del futuro

C’è anche il ricercatore di FBK Luca Coviello tra i vincitori del Géant Future Talent Programme, l’iniziativa del network europeo della ricerca per valorizzare progetti innovativi in rete.

Luca, data scientist in Fondazione Bruno Kessler con una borsa di studio GARR, grazie al suo progetto di intelligenza artificiale per l’agricoltura si è aggiudicato il premio europeo dedicato ai giovani talenti e la conseguente possibilità di presentare il suo lavoro a TNC19, Forging Digital Societies, la più grande e prestigiosa conferenza europea sulle reti della ricerca e istruzione, in programma a Tallinn, in Estonia, dal 16 al 20 giugno.

Durante la prima sessione dei Lightning Talks, il 17 giugno, Luca ha presentato il suo progetto di smart farming, che prevede l’applicazione di tecnologie digitali nel settore agrifood per controllare in maniera più efficace e precisa la qualità dei prodotti e riuscire a produrre di più utilizzando meno risorse.

Utilizzeremo una serie di sensori che possono misurare diverse variabili all’interno del campo coltivato, vento, precipitazioni, umidità del terreno, la pressione atmosferica – spiega il ricercatore – . Con l’analisi di questi dati possiamo capire in che modo una pianta si sviluppa e quando deve essere irrigata o quando un fertilizzante utilizzato, in modo da capire la qualità e il suo stato e come sarà il suo sviluppo nell’immediato futuro”.

Le borse di studio GARR intitolate a Orio Carlini, uno dei padri della rete italiana, permettono ogni anno a 10 giovani ricercatori di sviluppare le proprie idee originali sui temi legati alle infrastrutture digitali presso uno degli enti della comunità della ricerca o presso GARR. Entro la metà di luglio sarà lanciato il nuovo bando e nuovi progetti prenderanno il via.

* nell’immagine di copertina, Luca Coviello a TNC 2019 durante il suo intervento Democratizing Smart Farming with AI on LoRa Sensor Networks (credits: GARR)