Future Built on Knowledge

È Anna Perini la nuova Consigliera eletta dal personale della Fondazione Bruno Kessler

May 17, 2017

La nomina è stata formalizzata durante la seduta del CdA di oggi, mercoledì 17 maggio, in seguito all’esito delle elezioni che si sono svolte presso le sedi della Fondazione il 12 e il 15 maggio scorsi, durante le quali hanno votato complessivamente 276 persone su 523 aventi diritto.

Il mandato sarà quadriennale e decorrerà dal 21 giugno 2017, momento in cui Anna Perini succederà all’attuale componente del Consiglio di Amministrazione eletto dal personale Lorenzo Gonzo (AIRT – Technology Transfer FBK).

Laureata in Fisica all’Università degli Studi di Trento, Anna Perini è ricercatrice senior (in FBK dal 1985) presso l’Unità Software Engineering (SE) del Centro I​C​T della Fondazione Bruno Kessler, dove coordina l’attività di Requirements Engineering. Attualmente è coordinatrice del progetto europeo SUPERSEDE (SUpporting evolution and adaptation of PERsonalized Software by Exploiting contextual Data and End-user feedback ​– H​orizon ​2020​) ​ che ha come obiettivo lo sviluppo di software in grado di soddisfare le reali esigenze degli utenti secondo un approccio partecipato​. ​

​Lorenzo Gonzo, ringraziando i membri del Consiglio, ha affermato: “Aver fatto parte del CdA di FBK in questi ultimi quattro anni è stato per me un onore oltre ad una scuola di vita. È stato un periodo difficile, segnato da una riduzione di finanziamenti da parte dell’ente fondatore. Tuttavia, grazie alle competenze di FBK e alla qualità della sua risorsa più grande – il personale – il CdA è stato in grado di prendere delle decisioni importanti che, sebbene talvolta sofferte, hanno consolidato il nostro ruolo nel panorama della ricerca nazionale e internazionale. Auguro alla dott.ssa Anna Perini, il nuovo membro del CdA eletto dal personale, un’esperienza altrettanto formativa e buon lavoro. Colgo anche l’occasione per ringraziare tutti i membri del CdA con i quali ho avuto l’onore di lavorare in questo periodo per avermi fatto sentire sin dalla prima riunione un componente del Board a tutti gli effetti, per gli stimolanti scambi di opinione e per il lavoro fatto assieme”.


Autore/i