Future Built on Knowledge

Gaetano Cascini

Laureato con lode nel 1996 in Ingegneria Meccanica presso l’Università degli Studi di Firenze, ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca in Progetto e Costruzione di Macchine nel 1999.
Dal 1999 al 2008 è stato Ricercatore presso il Dipartimento di Meccanica e Tecnologie Industriali dell’Università degli Studi di Firenze e dal settembre 2008 è stato chiamato come Professore Associato presso la Facoltà di Ingegneria Industriale del Politecnico di Milano.
I Temi di Ricerca riguardano i metodi e gli strumenti per il problem solving, la progettazione inventiva e l’innovazione sistematica (TRIZ, Knowledge Management e Patent Mining, tecniche di Technology Forecasting ) e l’evoluzione degli strumenti informatici di supporto allo sviluppo prodotto (Computer-Aided inventive problem solving, sistemi CAD Knowledge-Based, tecniche innovative di ottimizzazione topologica).
L’attività di ricerca è documentata da oltre 80 pubblicazioni scientifiche presentate su riviste internazionali e atti di conferenze, e da 8 brevetti in diversi campi industriali.
È stato fondatore e primo presidente dell’associazione italiana Apeiron (Associazione per l’Innovazione Ragionata) e presidente dell’European TRIZ Association (ETRIA) dal 2006 al 2009. Oggi riveste le cariche di Chair del “Computer-Aided Innovation” Workgroup e Communication Officer del Comitato TC-5 (Computer Applications in Technology) di IFIP (International Federation for Information Processing). È inoltre membro del comitato direttivo di ETRIA, del Design Creativity Special Interest Group della Design Society e co-editor della rivista web “TRIZ Journal”.
Ha coordinato progetti di ricerca nazionali ed internazionali ed è responsabile di numerose attività di collaborazione industriali in diversi settori quali abbigliamento e confezioni, automotive, dispositivi di sicurezza per impianti elettrici, elettrodomestici, energie rinnovabili, impianti per l’industria alimentare, macchine operatrici ecc.


Articoli Spotlight

  • E se fosse possibile semplicemente prendere il cellulare, catturare le cose interessanti intorno a noi e portarle nelle nostre future vite virtuali in 3D? Per capirlo abbiamo intervistato due esperti di questa tecnologia: Paul Chippendale di FBK e Gaetano Cascini del Politecnico di Milano.
    aprile 4, 2017