Future Built on Knowledge

Evgeny Morozov e la geopolitica dell’Intelligenza Artificiale

luglio 6, 2018

Ospite al 2018 Festival Economia, il sociologo bielorusso, giornalista e scrittore, esperto di media e tecnologia, ha parlato della guerra globale in corso tra aziende americane e cinesi per l'egemonia nell'intelligenza artificiale, e ha fatto appello alla politica europea

Introdotto da Simone Pieranni, giornalista de “il manifesto” e scrittore, Morozov a Trento ha descritto come le aziende estraggono valore dai dati della popolazione. Ha spiegato come le informazioni che si forniscono nell’usare le tecnologie diventano fonte di business: le aziende vendono servizi che in realtà sono stati realizzati principalmente grazie al contributo diffuso da parte degli utenti. Un esempio? Il riconoscimento facciale costruito, passo dopo passo, dai dati forniti dai singoli che prendono in esame nel complesso una grande mole di fotografie.
Ha presentato l’equilibrio fra le due superpotenze in campo, Cina e USA ,per l’egemonia nel settore dell’intelligenza artificiale. Con l’America che cerca di limitare le crescita cinese e con la Cina che invece va avanti con forti investimenti, l’acquisto di industrie di robotica in Europa e la distribuzione di un manuale sulla IA nelle scuole.

E l’Europa come si comporta? Per Morozov in Europa dobbiamo decidere se optare per i servizi offerti dalle aziende cinesi o americane, se comprare dai produttori americani o dagli interlocutori cinesi che poi vendono i nostri dati al loro governo.
Infine si è rivolto alla politica europea perché gestisca questa sfida. E alla popolazione. Secondo Morozov, per arginare la concentrazione tipica del capitalismo digitale. è possibile un sistema alternativo di raccolta e controllo dei dati: non a livello di governo centrale, ma su scala comunale, insieme alla cittadinanza.

Abbiamo colto l’occasione per porgli alcune domande:

  • Qual è la situazione geopolitica attuale riguardo all’intelligenza artificiale?

  • Come potremmo evitare un’evoluzione distopica?

  • Qual è la differenza tra le Smart Cities alla Google e altri modelli?


Autore/i