Future Built on Knowledge

Oltre 60 traduttori a Trento per la scuola di aggiornamento organizzata da FBK

settembre 6, 2016

Un'opportunità di formazione sugli sviluppi delle tecnologie di traduzione automatica, oggi diventate strumenti essenziali per la professione del traduttore.

Da venerdì 9 a sabato 10 settembre, alla FBK di Povo, in via Sommarive 18, si terrà la prima Scuola di Tecnologie Avanzate per traduttori (SATT 2016 – School of Advanced Technologies for Translators), organizzata dall’Unità di ricerca HLT-Machine translation del Centro per le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (FBK-ICT).

L’evento, che coinvolgerà relatori internazionali, ha richiamato oltre 60 partecipanti, divisi tra traduttoriprofessionisti provenienti da vari paesi europei e studenti di scuole di traduzione e interpretariato.

Durante la giornata di venerdì 9 settembre i partecipanti avranno la possibilità di seguire presentazioni, discussioni e dimostrazioni pratiche tenute da ricercatori di FBK, uno dei centri di ricerca più all’avanguardia nel campo delle tecnologie del linguaggio, e altri esperti del mondo accademico e dell’impresa. Diverse applicazioni delle tecnologie della traduzione nel mondo dell’industria verranno illustrate e discusse da aziende quali TAUS, il think-tank mondiale dell’industria della traduzione, Translated e Welocalize, rispettivamente le più importanti agenzie di traduzione in Italia e al mondo, ed Ebay, la nota piattaforma per l’e-commerce.

Sabato 10 settembre i partecipanti potranno frequentare il corso e ottenere la certificazione di MateCat, una piattaforma di ausilio alla traduzione ideata all’interno di un progetto europeo coordinato da FBK e oggi diventata unprodotto utilizzato da più di 15 mila traduttori in tutto il mondo (www.matecat.com).

“Visti i rapidi sviluppi delle tecnologie in ausilio alla traduzione, diventa oggi sempre più importante per i traduttori conoscerle e saperle utilizzare al meglio” – afferma Marcello Federico, responsabile dell’Unità di ricerca HLT-MT. “La nostra scuola si propone di colmare l’attuale divario tra le competenze dei traduttori e le nuove richieste provenienti dal mondo dell’industria”. Luisa Bentivogli – ricercatrice FBK e co-organizzatrice della scuola SATT- sottolinea il contributo degli sponsor, grazie ai quali sono state finanziate 20 borse di studio che permetteranno a studenti universitari provenienti da tutta Italia di partecipare alla scuola.

(m.l.)

Marcello Federico e Luisa Bentivogli

Marcello Federico e Luisa Bentivogli